Artigianato

La Ceramica di Vietri

TERRA, ACQUA, ARIA, FUOCO.

Una volta mescolati, questi quattro elementi danno origine a un materiale, chiamato ceramica o terracotta,
modellato in varie forme dalle mani dei nostri artigiani, con tecniche antichissime.
In Italia, da secoli e secoli, la produzione della ceramica, segue passo passo la storia dell’uomo.

Ora citiamo una delle città Italiane, famose al mondo, che di questo materiale povero e naturale hanno fatto la loro ricchezza.

VIETRI SUL MARE (Campania), una delle perle della Costiera Amalfitana.

Percorrendo la Costiera Amalfitana da sud, la prima città è Vietri.
Annidata nel Golfo di Salerno in posizione scenografica, dominata dalla cupola della chiesa di S. Giovanni Battista, interamente ricoperta di maioliche dipinte a mano.

Vietri, capitale della ceramica campana.
La tradizione della maiolica arriva dal Medioevo, via via nel corso dei secoli la ceramica vietrese si è arricchita con nuovi motivi ed oggetti ornamentali,
a partire dalla piuma di pavone, dalla palma, il turchese del mare e dei bellissimi e coloratissimi limoni di Amalfi e Sorrento, decorati su qualsiasi oggetto di arredamento o stoviglierie.

Dalla produzione cinque-seicentesca di mattonelle per decorare edifici (come la cupola della chiesa madre), pavimenti, rivestimenti di interni ed esterni, fino ai primi decenni del Novecento quando viene lanciata in tutta europa, grazie all’impulso di artisti che arrivano da Olanda e Germania
È proprio con uno di questi, che appare il soggetto dell’asino destinato a diventarne il simbolo internazionale della ceramica vietrese.
Oggi le ceramiche di Vietri sono inconfondibili per i motivi geometrici, linee essenziali e contrasti cromatici che brillano di luminosità e armonia, rispecchiando tutta la loro essenza della costiera amalfitana e sorrentina.
Andare oggi a spasso per le strade del centro è come fare un tuffo in un mare di colore: sono ovunque i mosaici di maioliche multicolore che adornano case, scalinate e facciate di botteghe artigianali stracolmi di oggetti in ceramica.

Per saperne ancora di più, basta visitare il Museo della ceramica a Villa Guariglia a Raito di Vietri sul Mare,
e farete un viaggio appassionante negli stili dal Settecento alla prima metà del Novecento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *